pubblicità

antrace

antrace

Cos’è l’antrace o carbonchio?

L'antrace è una malattia infettiva acuta causata dalle spore del batterio Bacillus anthracis. Solitamente colpisce animali selvaggi o domestici (in particolare bestiame) ma può trasmettersi anche agli uomini come ospite occasionale.  Il rimedio dei contadini per limitare l'infezione in caso di contagio era di seppellire l'animale 2 metri sotto terra e coprirlo con calce, dato che le spore sono il sistema di sopravvivenza del batterio per reinfettare il bestiame tramite il terreno.garcinia cambogia extra

Come si trasmette?follixin

L’infezione da antrace può trasmettersi per via cutanea (pelle), per inalazione (la forma più pericolosa), e per via gastrointestinale. Le spore del B. anthracis possono sopravvivere nel terreno per molti anni.varikosette prix

L’antrace può essere preso anche mangiando carni crude o poco cotte provenienti da animali infetti. Tuttavia in Italia è molto raro trovare animali infetti.vivese senso duo forum

Come è diagnosticata l'antrace?vivese senso duo oil kokemuksia

La diagnosi viene posta isolando nel sangue, nelle lesioni cutanee e nello sputo o secrezioni bronchiali il B. anthracis.  La diagnosi classica viene eseguita con esami colturali (48 ore), ma da poco sono disponibili metodi che utilizzano metodi con amplificazione del DNA (PCR) che sono più rapidi (8-12 ore).dragon slim xtreme einnahme

Vedere comunicato Stampa Clonit   Comunicato con approvazione FDA

Vedere link esami Fleming Research

Quali sono i sintomi dell’antrace?

I sintomi della malattia variano in funzione del periodo tra contagio ed insorgenza. Solitamente i sintomi compaiono entro 7 giorni dal contagio.

Cutanea: Molte infezioni (95%) da antrace sopravvengono quando il batterio entra nell’organismo tramite una ferita o un’abrasione cutanea: solitamente si contrae toccando la pelle o il pelo di un animale infetto. La lesione cutanea inizia con la formazione di una specie di foruncolo pruriginoso simile alla puntura d’insetto ma che entro 2 giorni si trasforma prima in vescica e successivamente in ulcera molto dolente. Solitamente misura 1-3 cm di diametro e si presenta con una caratteristica area necrotica nerastra al centro. I linfonodi adiacenti sono gonfi. Circa il 20% dei casi di antrace cutanea non trattati viene a morte. La morte è rara se viene intrapreso un trattamento antibiotico corretto.

Da inalazione: I sintomi iniziali sono identici a quelli di un banale raffreddore. Dopo alcuni giorni i sintomi si aggravano progressivamente con grave difficoltà respiratoria e shock. L’antrace da inalazione è fatale se non trattata tempestivamente.

Intestinale: La forma intestinale della malattia, può manifestarsi i seguito ad ingestione di carni contaminate ed è caratterizzata da una infiammazione acuta del tratto intestinale. I sintomi iniziali sono nausea, perdita dell’appetito, febbre seguita da dolore all’addome, vomito di sangue e intensa diarrea. La forma intestinale è letale nel 25% - 60% dei casi.

L’antrace puo’ trasmettersi con il contatto da persona a persona?

La trasmissione da persona a persona dell’antrace è estremamente rara.

Cosè il vaccino anti-antrace?

Il vaccino è prodotto per filtrazione, è privo di cellule e non contiene batteri vivi o morti, ma sembra essere efficace al 93%. Il vaccino prodotto per gli animali è diverso da quello per l’uomo e non può quindi essere utilizzato.

Ci sono effetti collaterali con la vaccinazione?

Una lieve reazione locale è riportata nel 30% dei vaccinati. Reazione locali più gravi sono rare e essenzialmente si limitano a gonfiore e dolore di tutto il braccio. Reazioni sistemiche sono riferite nel 0.2% dei vaccinati.

Esiste un trattamento per l’antrace?

I medici conoscono e possono prescrivere antibiotici efficaci (vedere circolare ministeriale di cui sotto). Per essere totalmente efficace il trattamento deve essere avviato precocemente. La malattia se non trattata porta a morte.

Dove posso avere altre informazioni?

Dal Ministero della Salute è stato avviato un numero verde, 800 571661, a cui è possibile rivolgersi ed ottenere tutte le informazioni. E' possibile anche la consultazione del sito www.sanita.it, in particolare è utile consultare la circolare rilasciata riguardante i MICRORGANISMI CHE POSSONO RAPPRESENTARE UN RISCHIO PER LA SICUREZZA NAZIONALE .